siamo anche su facebook

Scriveteci per avere informazioni sui lavori, richiedere gli schemi o semplicemente esserci amici su: follow us on https://www.facebook.com/pages/Daggry/449841758445779?ref=stream&hc_location=timeline

o su daggryfaidate@gmail.com


Tuffatevi nei libri della “Foresta delle Meraviglie”, dove in ogni avventura personaggi strabilianti vi accompagneranno attraverso regni infuocati o demoni della notte.

http://wwwscrittricedaggryvios.blogspot.it/


mercoledì 24 settembre 2014

folletto d'autunno




Folletto a decoupage 

folletto_autunnale
Mi piace
Condividi
Piace a 22 persone.
Ecco arrivato l’autunno che ha portato con se questo delizioso folletto degli alberi che ci guarda dal suo ramo di quercia.
Ad orlare ed impreziosire il quadretto, una delicata stella di natale in rame fatta a mano a sbalzo. 
Daggry
quadretto_con_elfo 
La tecnica è la stessa usata per la fatina, fatta eccezione per la stella di natale,
per la sua realizzazione bisognerà però attendere novembre, quando posteremo la realizzazione con le sagome delle brattee.
  
Mi piace
Condividi
Piace a 22 persone.
foglie_di_rame

quadretto_a_decoupage

Per il fondo è stata usata la pittura acrilica con varie sfumature di ocra e terra di siena, con la tecnica della "spugnatura" ottenuta con un piccolo pennello a tampone (si può usare anche una vecchia spugna e tamponare il quadretto con più colori per dare un effetto omogeneo)


bràttee_a_fogli_di_rame
Non c’è niente di più bello che ammirare la natura e i suoi piccoli abitanti.
La legenda dei folletti nasce da lontano con gli antichi romani.
Si attribuiscono ai Lari, che erano gli spiriti degli antenati, protettori non solo della casa, ma della famiglia intera, proteggendo e preservando il nucleo familiare per generazioni.
Nella cultura popolare poi, si sono trasformati, diventando spiritelli furbi, combina guai e dispettosi, capaci di volare e rendersi trasparenti.
Vivono in casa, nei granai o tra le conifere nel bosco.
sempre pronti a fare dispetti.
Ma il nostro folletto è buono e dolce, ed aspetta impaziente le prime castagne.

Nessun commento:

Posta un commento