siamo anche su facebook

Scriveteci per avere informazioni sui lavori, richiedere gli schemi o semplicemente esserci amici su: follow us on https://www.facebook.com/pages/Daggry/449841758445779?ref=stream&hc_location=timeline

o su daggryfaidate@gmail.com


Tuffatevi nei libri della “Foresta delle Meraviglie”, dove in ogni avventura personaggi strabilianti vi accompagneranno attraverso regni infuocati o demoni della notte.

http://wwwscrittricedaggryvios.blogspot.it/


domenica 18 agosto 2013

portarotolo per il bagno a decoupage

portarotolo per il bagno






Portarotolo per il Bagno 


Simpatico oggetto d‘arredo che impreziosirà il vostro bagno rendendolo unico e raffinato.


Cercavamo un portarotolo particolare per il bagno ma quelli in commercio erano un po’ bruttini. 
Allora abbiamo pensato di farcelo da soli con tanta fantasia.
Non lasciatevi spaventare dai tre componenti per doratura, per chi non ne ha mai sentito parlare scriveteci su Facebook per informazioni più dettagliate.
Do not be frightened by the three components for gilding, for those who have not ever heard write us on Facebook for more detailed information.


occorrente:


portarotolo in plastica;
colori acrilici bianco, terra di siena naturale e bruciata, ocra chiara, panna, rame e avorio;
vernice per fondi a base d'acqua per materiali difficili;
malta sabbiata (a scelta)
immagini per decoupage marini (fari, mare, ancore, navi e rose dei venti)
Colla vinavil
"fogli di rame” frammenti di doratura
Gommalacca;
colla missione per dorare ad acqua;  
Pennelli vari e tamponcino;

Lucido finale all'acqua



Non è difficile il nostro portarotolo, ma necessita di qualche passaggio delicato perché vede contrapposto i colori acrilici ai frammenti di rame.o
preparare innanzitutto le immagini per il decoupage. tagliatele bene, noi abbiamo volutamente lasciato anche il fondo alle navi.
se il colore acrilico non attacca, passate, dopo averlo pulito bene, una mano di vernice per fondi a base d'acqua.
dividete il portarotolo con una sottile linea di matita, sopra ci andrà il colore acrilico e sotto i frammenti di rame.
parte superiore:
Se volete renderle il fondo più a "crosta", passateci della malta sabbiata, (ma lo stesso effetto lo avrete quando passerete alla fine il bianco non diluito).
dipingete il fondo prima con l'avorio, poi senza aspettare che si asciughi passarci con un tamponcino gli altri colori, la terra di siena naturale e bruciata, ocra chiara, panna, rame (marrone chiaro) e avorio. infine, quando si è asciugato bene, prendete direttamente il bianco dal tubetto, mettetelo sul tamponcino asciutto e passatelo su varie parti del fondo.
una volta asciutto, lavorare la parte inferiore:
passare dapprima su una mano di colla missione, passarla bene con meticolosità. Rispettare i tempi descritti sulla confezione (in  genere passateci un dito, se questo si attacca senza bagnarvi, è pronto), quando è pronto, mettete il vostro lavoro su dentro una bacinella oppure su un foglio di carta d'alluminio o forno e a pioggia fateci cadere i frammenti di rame. Ci vorranno molti passaggi con questi frammenti, perché non si attaccheranno tutti insieme.  Ricoprite del tutto il lavoro col rame e lasciate attaccare per un pò. Poi, con un tamponcino asciutto passare e premere bene tutti i frammenti alla superficie. Lasciare asciugare per qualche ora. 
Con un pennello piatto e morbido, quando sarà passato il tempo, eliminare i frammenti residui delicatamente, se vedete qualche "buco" ripassare la colla missione e rifare lo stesso procedimento.
i frammenti in eccesso potranno essere recuperati e riusati per un altro lavoro.
Se il risultato vi soddisfa, passarci la gommalacca per fissare i frammenti.
poi si passa al decoupage con la tecnica normale, acqua e colla diluite incollateli sopra senza timore.
Lasciate asciugare tutto e passarci il "primer" la vernice finale all'acqua. 

god arbeid Daggry
decoupage
IF YOU LIKE IT FOLLOW ME ON FACEBOOK
se vi serve aiuto scriveteci su FACEBBOK
Mi piace
Condividi
Piace a 16 persone. Iscriviti per vedere cosa piace ai tuoi amici.

Nessun commento:

Posta un commento